La nostra pagina Facebook
Notizie
Tutte le ultime notizie dalla delegazione regionale Friuli Venezia Giulia di Fondazione Italiana Sommelier

VISITA ALL'AZIENDA MEROI DI BUTTRIO

23/01/2016
Un freddo sabato di fine gennaio, il 23 per l' esattezza, abbiamo avuto l' opportunità di scaldare i nostri cuori con un' esperienza unica. Abbiamo deciso infatti di compiere non una classica e statica degustazione in azienda, abbiamo scelto di comprendere come un territorio può rendere i suoi prodotti cosi differenti e allo stesso tempo complessi. Damiano Meroi con grande disponibilità e cortesia ci ha dato questa fantastica opportunità e ci ha sapientemente condotti ad esplorare e conoscere la sua Vigna delle Zitelle, la quale è stata acquistata ad inizio anni 2000, e nella quale, a differenza della più antica Vigna Dominin, dedita alla coltivazione di Merlot e Refosco, vengono piantate e coltivate esclusivamente varietà a bacca bianca, le cui viti sono ancora particolarmente giovani. Damiano inoltre ci ha fatto notare come anche il terreno della Vigna delle Zitelle sia particolarmente caratterizzato dalla Ponca, uno strato roccioso tipico del Collio che, conferisce alle radici delle viti e, successivamente ai prodotti finiti una particolare mineralità.

Successivamente dopo aver toccato con mano il terroir in cui nascono questi grandi vini, ci siamo recati in cantina ed abbiamo provato la differenza fra due tipi di Friulano ancora in barrique, poichè risalenti all' annata 2015, appartenenti a vigne distanti un centinaio di metri fra loro ma di cru territoriali differenti. Abbiamo ripetuto lo stesso esperimento con il Sauvignon, notando ed esaltando le differenze fra due prodotti derivati dallo stesso vitigno ma cosi distanti fra loro. In cantina Damiano ci ha illustrato le particolare tecniche di vendemmia, selezione dei grappoli e vinificazione che l' azienda adotta, niente viene lasciato al caso, si cerca di esaltare o perlomeno edulcorare anche le annate all' apparenza difficili. La parte finale della giornata ci ha , se possibile, sorpreso ancor di più, Paolo Meroi, il proprietario dell' azienda, assieme al figlio Damiano, hanno allestito un favoloso buffet, condito da alcuni prodotti indimenticabili, tra cui non possiamo tralasciare lo Chardonnay 2007, il Picolit 2005 ed il Merlot Vigna Dominin, assaggiato in due annate distanti fra loro di dieci anni, la 2001 e la 2011, ma caratterizzato in entrambe da note intense ed allo stesso tempo vellutate, in perfetto equilibrio. I vini che abbiamo provato sono stati davvero un perfetto mix di terroir, lavoro artigianale e rispetto della natura, ma non sono stati gli unici protagonisti della giornata, l' ospitalità, la competenza e la simpatia con cui la famiglia Meroi ci hanno accolto restano qualcosa del quale ci rimarrà un ricordo indelebile.




 
Fotografie
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina